PERCORSO n. 7 - Castel Bragher

PERCORSO n. 7 - Castel Bragher

ITINERARIO: PRIO’ - VION - CASTEL BRAGHER

PARTENZA: il percorso si imbocca a valle dell’abitato di Priò (ca. 600 m), dalla strada provinciale della Predaia, poco prima del bivio per Dardine; quota 570 m s.l.m.

ARRIVO: nei pressi di Castel Bragher (privato), lungo la strada comunale che da Taio conduce a Coredo – quota 635 m s.l.m.

LUNGHEZZA: km 5,9

DISLIVELLO: m 23

DIFFICOLTA’: comodo percorso ondulato per stradine di campagna e forestali, ideale anche per mountain bike; tratto iniziale, a valle di Priò, lungo la strada provinciale della Predaia.

TEMPO DI PERCORRENZA: h 2,00.

Scendendo da Priò, lungo la strada provinciale della Predaia, poco prima del bivio per Dardine (ca. 100 m), si imbocca sulla destra - in leggera salita - una strada di campagna asfaltata. Proseguendo a sinistra, dopo circa 400 m pianeggianti, ci si immette nel bosco. Da qui, per stradina sterrata, il percorso continua per boschi e prati con notevole vista panoramica sulla bassa e media Val di Non e sull’antica chiesa pievana di S. Eusebio a Torra (documentata per la prima volta nel XII sec., secondo la leggenda esistente addirittura dai tempi della evangelizzazione dell’Anaunia, ricostruita a causa dei numerosi incendi e per vetustà nel 1624).
Dopo circa 1,5 km si attraversa il Rio Panarota (possibilità di scendere a Torra per comodo sentiero - 600 m ). Proseguendo per stradina forestale attraverso le pinete del Cirò si raggiungono le campagne di Vion e in seguito l’abitato nei pressi della chiesetta di S.Sigismondo (XVI sec.).
Dalla piazza di Vion, a destra per strada asfaltata in direzione nord attraverso i frutteti della “bonifica” fino all’area pic-nic (circa 1 km); svoltando a destra si prosegue per comodo percorso forestale fino ad immettersi sulla strada provinciale della Predaia. Questa si percorre in discesa per 600 m ed in corrispondenza dell’ampio tornante, svoltando a destra, si imbocca la strada comunale per Coredo fino a giungere al vicino Castel Bragher immerso nel verde della fitta abetaia in luogo solitario e suggestivo.

 

CASTEL BRAGHER

Ottimamente conservato e singolare per la presenza dei caratteristici torrioni cilindrici, fu costruito alla metà del XIII secolo ad opera del conte Bragherio di Coredo; poco dopo viene in possesso dei signori di Tono che lo ampliarono e completarono nel XVI e XVII secolo assumendo l’attuale forma architettonica.
Il castello non è visitabile in quanto residenza privata.

Lunedì, 25 Luglio 2016

© 2019 Comune di Ton powered by ComunWEB con il supporto di OpenContent Scarl